L’image de la femme e la symbolique des animaux dans Les Fleurs du Mal de Charles Baudelaire

Fleurs du mal

Conferenza della Prof.ssa Federica Di Marco 

18 Aprile 2018 ore 9:00 Liceo Linguistico "R.Settimo" 

La conferenza, organizzata dall'AF di Caltanissetta tenuta dalla Prof.ssa Di Marco, si prefigge l'obiettivo di  stimolare la sensibilità letteraria dei giovani studenti delle ultime classi del Liceo Classico nei confronti di uno dei poeti più sorprendenti del panorama letterario europeo "Charles Bauldelaire".

Abbiamo chiesto alla professoressa Di Marco di darci qualche anticipazione sulla sua conferenza e riportiamo la sua interessante e coinvolgente presentazione .

A più di 150 anni dalla sua scomparsa, Charles Baudelaire continua a stregare i lettori di tutto il mondo con la sua poesia e "Les Fleur du Mal" rappresenta tutt'oggi una delle raccolte poetiche più affascinanti per il dualismo intrinseco che la caratterizza.

Fondamentale all'interno dell'opera è la complessa e poliedrica visione della donna : da irresistibile femme fatale a donna-angelo capace di consolare ed elevare l'animo del poeta. Da dolce sorella ed amica a sconosciuta ed ammaliante passante protagonista di uno dei più poetici "incontri mancati" della letteratura francese. 

Altra tematica onnipresente ne “Les Fleurs du Mal” è la simbologia degli animali, protagonisti di innumerevoli poesie di Baudelaire. Che si tratti di animali moderni, antichi o biblici, essi diventano veri e propri miti capaci di influenzare l’immaginario comune attraverso le differenti connotazioni attribuite da Baudelaire. Ricordiamo tra le più celebri l’Albatro che diventa metafora del poeta, il Gatto simbolo della sensualità della donna, i Gufi che incarnano l’ideale di saggezza e pazienza.